I CATANZARESI RACCONTANO CATANZARO

itCatanzaro

DIALETTO PERSONAGGI POESIE

Catanzaro nei versi dell’attore Pino Tafuri

Pino Tafuri Sulla Scena Con La Trambìa

Con questa poesia Pino Tafuri, raffinato istrione del teatro popolare, ci conferma la sua sviscerata passione per il vernacolo catanzarese e ci offre la possibilità di scoprire la sua vena poetica nel dialetto di questa Città che tanto ama. Pino Tafuri, conosciuto per sue indiscutibili doti artistiche, ha recitato con varie compagnie teatrali catanzaresi. Ricordiamo le numerose collaborazioni con Ciccio Viapiana, Enzo Colacino, Pino Michienzi e Anna Maria De Luca, Ettorino Capicotto, Roberta Mazza, Lillo Zingaropoli, Vittorio Sorrenti, I vecchi giovani, A trambìa.

Pino In Scena
Pino Tafuri in scena


Oggi, impossibilitato a deliziarci dal palcoscenico con la sua vis comica, sulla scia dei sonettisti catanzaresi d’altri tempi, da osservatore attento, ci offre uno spaccato di vita cittadina.

CCHE BELLU CATANZARU

Doppu tanti monumenti strati novi ccu i bretelli
Atri cosi succediru, ma stavota ‘e chiddhi i belli.
‘Na matina, tutti i genti mentra jianu a lu lavoru,
cchi sorpresa cchi trovaru, jestimaru tutti in coru
a li màchini posteggiati, intra i posti abituali
subba i vitri già ‘mpingiuti, c’erano scritti i verbali.
O Madonna (dissa unu) ma cchi bella matinata
M’aju ‘e fara ancora ‘a crùcia e cu’ ‘a paga sta pappata
De Barracchi a for’ e porti c’era u gridu paru paru
Ma po’ èssera ca su schifu cc’esta sulu a Catanzaru?
E nu vìgila ddha’ vicinu capiscetta ’a serenata
e cci dissa a tutti quanti “chista è murta e va pagata.”
Nu signora assai adocatu  cchi ci dezza puru ‘a manu
poi cci dissa “la mi schiusi” ma duva cazzu posteggiamu”?
Diventau nu coprifuocu hai ‘ma giri fin’ a sira
finalmenta quandu ‘u trovi senti u friscu e ti nd’hai ‘e jira.
Non ti fannu mancu fermara ‘ma t’accatti na provvista
comu minti u peda nterra si’ multatu già a vista
tutti quanti i commercianti si  ‘ncazzaru l’atra sira
ca ppe’ curpa ‘e nu frischettu non ‘ncassaru cchjù na lira.
Finalmenta cala ‘a notta non ci pensi dintra u lettu
e scalogna vai e ti sonni propriu a chiddhu ccu’ u frischettu.
Ccu sta scrisi cchi mo cc’esta e ti fa puru paura
ogni sordu cchi cacciàmu sunnu gucci de sudura.
Certamenta i capizzuni si ni dèranu ncuna manu
costruendu nu posteggiu, nui tranquilli posteggiamu.
Finalmente è dominica non si senta nu frischettu
posteggiamu a tutti i pizzi e sta vota ppe’ dispettu

Pino Tafuri                                          

Catanzaro nei versi dell’attore Pino Tafuri ultima modifica: 2020-04-21T16:25:11+02:00 da Alessio Bressi
To Top