I CATANZARESI RACCONTANO CATANZARO

itCatanzaro

POESIE

TERRA LUNTANA, la poesia di Mario Martino

Mario Martino

Ti pittu ‘u quatru a ttia, terra luntana,

cchi canti ventu comu na preghiera:

Conzata ccu’ dui hijumi ppe’ collana

e tri muntagni misi ppe’ diadema…

 

Tu, comu na regina, si’ assettata

ammenz’i hijuri ‘e ‘sta Calabria mia:

si’ comu ‘na Madonna ndinocchjata…

Si’ beddha quasi comu ‘a mamma mia.

 

Jinòstra, jancuspinu e limunara

sunnu li vesti toi de primavera…

ca’ a maju tu ti conzi de rosara:

si’ tàlamu d’amura e si’ mugghjèra…

 

E ‘a notta sutta ‘i stiddhi de l’estata

ti vesti de canzuna (…chist’a mia)

e nte’ vineddhi porti ‘a serenata:

ventu d’amura e de malinconia….

 

Nto’ scuru d’a nottata si’ lampàra

nu fhoculàru eternu cchi caddìa;

mi scarfi u cora cchijù de na carcàra;

si’ comu l’occhj d’a fìmmina mia…

 

‘Stu cora d’emigratu calavrìsa

cchi mora sulu ‘nta ‘sa terra amara…

scordara non po’ mai cchjù ’stu paisa

spera ca nu jornu po’ tornara…

 

Catanzaru, Catanzaru

de’ tesori sì ‘u cchijù caru,

‘pigghj cchjù ‘e na malatìa’…

Catanzaru… VITA MIA!

 

Mario Martino, poeta catanzarese

Traduzione: TERRA LONTANA

1° quartina: Dipingerò il tuo quadro, mia terra lontana, / a te che canti vento come una preghiera: / acconciata con due fiumi per collana / e con tre montagne (i “Tre colli”) messe per diadema. / Tu, come una regina, te ne stai seduta / tra i fiori della mia Calabria; / sei come una madonna genuflessa / e sei bella quasi come mia madre. /

2° quartina: Ginestra, biancospino e limoni / sono le tue vesti in primavera, / e a maggio ti adorni di roseti. / Sei talamo d’amore e mi sei moglie.

3° quartina: Di notte, sotto le stelle d’estate, / ti vesti di canzone (…di questa mia) / e nei vicoli porti la serenata: / vento d’amore e di malinconia.

4° quartina: Nel buio della notte sei “lampara” / un focolare eterno che accalora; / mi scaldi il cuore più di una pira ardente; / e sei (luminosa) come lo sguardo della donna che amo.

5° quartina: Questo cuore di emigrato calabrese / che muore in solitudine in una terra ostile / non può mai dimenticare il suo paese natio… / e spera di poter, un giorno, tornarci.

6° quartina: Catanzaro, Catanzaro / sei il tesoro più caro, “prende più” di una malattia…Catanzaro, …vita mia!

TERRA LUNTANA, la poesia di Mario Martino ultima modifica: 2020-04-15T21:40:00+02:00 da Redazione
To Top